Map

I caffè che non ci sono più

C'erano una volta...

Sono tanti i luoghi che raccontano la storia d’amore tra Trieste e il caffè.

Ma ce ne sono anche molti altri che non sono più visibili e che, tuttavia, hanno lasciato traccia nella memoria collettiva dei triestini. Come i Caffè, per esempio.

A partire dalla metà del Settecento fino al primo conflitto mondiale, i Caffè di Trieste erano numerosissimi. Non erano solo locali dove mangiare e gustare dell’ottimo caffè, ma molto di più. Erano luoghi di incontro, di riflessione, di discussione politica, economica e letteraria, dove era possibile incontrare intellettuali del calibro di James Joyce, Italo Svevo e Umberto Saba.

 

Purtroppo, di molti di questi caffè non rimane che l’aroma di un ricordo.

C’era il Caffè all'Europa Felice, il cui proprietario – si racconta – fosse nemico giurato di Napoleone.

C’era il Caffè Greco, frequentato dall'influente comunità dei commercianti greci.

Nel cuore del Borgo Teresiano, tra via Valdirivo e via Milano, c’era il Caffè Roma, e poi il Caffè Francese, in Piazza della Borsa, il Caffè Tedesco e il Caffè della Pace, il Caffè Garibaldi, proprio sotto al Palazzo del Municipio, il Caffè Orientale e il Caffè Flora.

 

È anche grazie alla memoria di questi prestigiosi Caffè se oggi Trieste viene unanimemente riconosciuta come la Capitale del caffè.

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza sulle nostre pagine. Se continui a navigare su questo sito ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa

This website uses cookies to improve you experience on it. If you continue browsing on this website, you accept the use of cookie. Read more